Changing your home without forgetting your head. Prologue of a (crazy) move/ Traslocare senza perdere la testa (o dimenticarla nella vecchia casa!). Prologo di un (bizzarro) trasloco

Moving could represent a need, a choice, a great and exciting idea, fresh air in your life – but it could also reveal an unexpected side and a real training for your body and mind. Here’s my personal –  and a bit crazy- experience. home packaging 2

It is never too early to start preparing your baggage and boxes, because the last days before moving will blow away faster than the summer days of your childhood. You will have the perception of living in a strange time dimension: No matter if it seems so far away that you even forget about it, suddenly the “X moment”, the moment of relocation, is there, it will come striding.

And from that very moment on, with the Fast Forward button constantly pushed, you will try to face every kind of situation, even the most surreal. You will be fine and proud until the FF button will produce its effects, one of them being the feeling that your days are incredibly short for all you were planning to accomplish. And pay attention: The unexpected is always around the corner… it seems to enjoy surprising busy people, so try not to stumble. And do not shake your broom as a magic wand, it will not work.Probably, if there’s a word invested with some magical power that word is “to plan”. All you need is to have a plan, always! Plan everything you can, since this will be of a great help both for an organizational purpose and for an interior wellness (let’s put it in this way!)

plan icon

And at leaving day -2, I can assure you that the famous FF button will have used up its effect – we will be so busy and so fully committed that nothing and noone seem to be able to follow our steps, even our shadow!

There is something crazy about moving. The quantity of objects accumulated on your shelves, day by day, laying passive here and there in your house… No matter if you live in a palace or in a studio – there will always be many more things than we really use or need. Obviously, this is a reality we clearly discover when we move, and we start to ask ourselves: “Why did I buy it?” Or worse: “Why did I never use it?”. And, you don’t know yet but, the juicer still in its packaging only represents the beginning of a long list of questions and considerations about what we can bring with us to our new destination.

In my opinion, a useful practice when relocating is creating a list with every object on our shelves, to be able to consider what we actually have, because, as crazy as it may be, sometimes we forget. Then… the nominations! Yes, the list is just the first step to realise you will not leave on a cargo plane, nor will you be able to convince the flight company to reconsider their weight limits. Then, once you’ve identified all the objects that won’t be coming with you, free yourself of them!
cargo plane

The idea of decluttering (which means to remove the mess of useless objects) could also mean declutter your life! Then, to get back to the relocation, the principle to free yourself of objects because ofdeclutter-homes their uselessness or just because they are too bulky to pack, is positive; not only to make space, but also to clear your thoughts in some ways. Once I started to declutter, my view was clear, my thoughts were being decluttered as well. Trust me, in the end you will be restored like after a yoga class. The idea to reorganize the mass of objects in your life will also clear your perspective. Anyway, before this phase, you will have to test your perseverance and also your patience!

In the Internet era, it is much easier to find groups where you can post the stuff you want to sell, give away or even exchange; the choices are numerous and personal.

CloseUpBins decluttering

Despite the fact that some buyers stood me up – and this is really hard to predict – my personal experience was positive, there were even some pleasant talks between buyer and seller. I found myself talking about Japan with a native Japanese woman who had just moved from Sweden (what a small world!), and her delicacy brought me back to my journey to those places and made me dream about others.Then I arrived in Thailand through the tales of another girl, talking about elephants, those who are blessed to live free as they should.

Another worthy idea is to donate all the stuff you don’t want to bring with you. They will go (hopefully) to those who will appreciate them a lot, so there is no other better choice. You just need to do some research on the web to find events or storage boxes already located near your place. As for the clothes and other textiles too worn to be donated, let’s recycle them! The principle is the same, just some research and it’s done. Your ecological/humanitarian soul will feel a great joy. Just a warning: Plan in advance! Everything needs time, even the smallest thing, so try to always have time on your side.

35564395-businesswoman-walks-tightrope-with-umbrella-great-illustration-of-retro-styled-businesswoman-walkingOn leaving day -1, you feel like an acrobat on a very thin rope, among a thousand tasks, a thousand questions and a thousand different answers to the same questions depending on your mood.

Finally it comes – the moment of veiled panic, the face-to-face with the baggage you have selected to bring with you to your new house. However, the passage from “veiled panic” to “huge panic” is short, and it’s proportional to the personal love for shopping. The more you love shopping, the less your luggage will seem suitable. When I realised just how unsuitable my bags and suitcases were, that’s when I passed from “veiled” to “huge” panic. Music on my headphones (rock for itbook sniffers mysterious power of relief)  and chocolate to accompany  the “Why do I have all these clothes?”, the  “Why all these shoes?” and the “And what about all these pens?” Ok, I’m a compulsive buyer of pens, I have to stop. This sporadic monologue arrived just in a sporadic climax moment disappearing once I found myself smelling the ink of my notepad or the pages of a book, and then, my thoughts about my small-small suitcases stopped ardently.

Next step: To face your baggage. My very slim baggage and I exchanged a discouraging gaze next to a pile of clothes exhausted after my useless mary poppins bagtactics of flattening and slimming them. I don’t know how, but suddenly I started to visualize Mary Poppins, then I started to think: “I want Mary Poppins’ bag. If she put everything inside her bag, I put everything inside mine”. And with a grotesque smile I found myself challenging Mary Poppins, Mrs I-bring-all-my-stuff-with-me.

 

But first, coffee, a lot of coffee, because coffee is always a good idea. Oops. Who sold the coffee maker?!
Woman-CoffeeAddict

CAMBIARE CASA SENZA PERDERE LA TESTA (o dimenticarla nella vecchia casa!). PROLOGO DI UN (BIZZARRO) TRASLOCO 

Traslocare può rappresentare una necessità, una scelta razionale o istintiva, un’idea grandiosa ed eccitante in grado di portare una ventata di novità nella home packaging 2propria vita- ma che può rivelarsi anche un vero e proprio training fisico e mentale. Ecco la mia personale esperienza- un pò bizzarra anche- in fatto di traslochi.

Non è mai troppo presto per iniziare a preparare bagagli e scatoloni perché gli ultimi giorni voleranno più in fretta delle vacanze estive di quando si era bambini. Sembrerà di vivere in una strana dimensione temporale: se inizialmente il fatidico momento vi sembrerà cosi lontano da non ricordarvene nemmeno, ad un tratto il “momento X”, quello in cui il trasloco si materializza, arriverà a grandi passi. E a quel punto, con il tasto Fast Forward costantemente premuto, quello per l’avanzamento veloce, cercherete di fronteggiare ogni situazione, anche la più improbabile. Almeno finchè l’effetto prodigioso del tasto FF sortirà il suo effetto, perchè in certi momenti la sensazione sarà quella di avere giornate troppo corte per fare tutto ciò che ci si era prefissati. E attenzione, l’imprevisto è sempre dietro l’angolo.. Pare ci goda a sorprendere la gente di corsa.. attenti a non inciampare. Ah, dimenticavo: inutile agitare la scopa come fosse una bacchetta magica, non funziona.

Forse, se c’è una parola con effetti magici in materia di trasloco è la parola “pianificare”. Pianificare sempre, pianificare il più possibile, perchè sarà di grande aiuto sia da un punto di vista organizzativo che di tranquillità interiore, mettiamola cosi!

E a -2 giorni dalla partenza, vi assicuro che quel famoso tasto, Fast forward, avrà esaurito il suo effetto: saremo cosi di corsa che tutto sembrerà non stare al passo, persino la nostra ombra avrà difficoltà a venirci dietro.

Qualcosa che ha davvero dell’incredibile è la quantità di oggetti che giorno dopo giorno finisce con l’accumularsi qua e là per casa, e poco importa se la vostra casa sia una reggia o un modestissimo studio: finiremo sempre col trovare piu cose rispetto a ciò che effettivamente utilizziamo. Chiaramente questo salta agli occhi proprio in momenti di transizione del genere, quando un imminente trasloco mette davanti ad una riflessione: “Ma perché l’ho comprato?” O peggio: “Ma perché non l’ho mai utilizzato?” E senza saperlo, lo spremiagrumi ancora imballato sarà solo linizio di una lunga serie di riflessioni su ciò che potremo portare o meno nella nostra nuova destinazione.

Una pratica molto utile in vista di un trasloco credo sia quella di stilare una lista di ciò che col tempo è finito con il far parte dei nostri ripiani, in modo tale da considerare cosa sia presente perchè, per quanto folle possa sembrare, a volte ce ne dimentichiamo. Dopodiché, le nominations! Si, perchè la lista non è che un momento di autoconvincimento che non partiremo con un aereo cargo, e che in nessun modo potremo convincere la compagnia aerea scelta per il viaggio a riconsiderare i limiti di peso. Dunque, una volta individuati gli oggetti che non traslocheranno con noi, liberarsene!

cargo plane

L’idea di liberarsi dal caos di oggetti inutili (in inglese “decluttering”), potrebbe significare anche riorganizzare la propria vita! Dunque, per tornare al trasloco, il principio di liberarsi di oggetti, che siano essi declutter-homessuperflui o semplicemente troppo ingombranti per poterci seguire, è una buona idea a mio avviso: non solo farete spazio, ma farete spazio anche tra i vostri pensieri in qualche modo. Non appena ho iniziato, la mia visuale era sgombra, i miei pensieri chiari, alleggeriti. Credetemi, alla fine di tutto, sarà come al termine di una lezione di yoga. L’idea di riorganizzare la massa di oggetti nella vostra vita, migliorerà anche la vostra prospettiva. Tuttavia, prima di raggiungere questa fase, dovrete mettere a dura prova la vostra tenacia e, talvolta, anche la vostra pazienza!

All’epoca di Internet è molto più semplice trovare gruppi in cui postare i propri oggetti in modo da “liberarsene” vendendoli o regalandoli o magari anche barattandoli: le scelte sono molteplici e personali.

CloseUpBins decluttering

Nonostante gli appuntamenti “buca” di alcuni compratori che ahimè non si possono prevedere, la (personale) nota positiva è stata quella di scoprire delle piacevolissime chiacchierate tra una vendita ed un’altra. E cosi mi sono ritrovata a parlare del Giappone con una giapponese appena trasferitasi dalla Svezia (quanto è piccolo il mondo?) che con la sua delicatezza mi ha riportato indietro al mio viaggio proprio in quei posti e a sognarne altri. E poi sono arrivata in Thailandia con i racconti di un’altra ragazza, a parlare di elefanti, quelli che hanno la fortuna di vivere liberi come dovrebbero e ad immaginarli cosi per il resto della giornata.

Altra idea validissima è quella di donare tutti quei capi che non si intende portare con sé, andranno a chi (si spera) apprezzerà molto, quindi non c’è scelta migliore: basterà fare qualche veloce ricerca su Internet per scoprire di iniziative o appositi contenitori già posizionati qua e là per la città. Mentre per tutti quei capi e tessili troppo usati per essere donati si ricicla! Anche in questo caso, qualche ricerca ed è fatta, il vostro animo ecologista e umanitario si nutrirà di immensa gioia. Ma attenzione, anche in questo caso pianificate, pensate con un certo anticipo, perchè qualsiasi cosa decidiate di fare richiede del tempo: abbiate sempre il tempo dalla vostra parte.

35564395-businesswoman-walks-tightrope-with-umbrella-great-illustration-of-retro-styled-businesswoman-walkingA -1 giorno dalla partenza la sensazione è quella di un acrobata che corre appeso ad un sottilissimo filo, ancora tra mille commissioni, mille domande e mille risposte diverse alle stesse domande a seconda dell’umore.
E poi arriva: il momento di velato panico, il faccia a faccia con le valigie accuratamente selezionate per fare da tramite con la nostra nuova casa. Tuttavia, il passaggio da “velato panico” a “spropositato panico” è breve ed è direttamente proporzionale al vostro personale amore per lo shopping. Più è grande l’amore per lo shopping e più le vostre valigie appariranno minuscole, insignificanti. Ed è questo l’esatto momento in cui si passerà da “velato panico” a “spropositato panico”. Il mio si è mostrato tra musica in cuffia (rigorosamente rock che su di me ha misteriosi effetti distensivi) e cioccolata, a suon di “perché ho tutti questi vestiti?”, “Perchè tutte queste scarpe?”, “E le penne? Ok, sono una compratrice seriale di penne, devo smettere”. Questi sporadici monologhi arrivavano solo raramente in momenti clou e svanivano non appena mi ritrovavo ad annusare l’inchiostro lasciato sui miei blocnotes o le pagine di un libro, e cosi i miei pensieri sulle mie “piccole-piccole valigie” smettevano di fluttuare insistenti.

Passò successivo: affrontare le valigie. Io e le mie asciuttissime valigie ci mary poppins bagscambiamo sguardi poco rassicuranti, di fronte ad una pila di vestiti esausta per le mie manovre di appiattimento e snellimento (abbastanza inutili). Non so come, ma improvvisamente inizio a
visualizzare Mary Poppins e penso: “Voglio la borsa di Mary Poppins, se ha messo tutto in borsa lei, metterò tutto in valigia io”. E con un grottesco sorriso in faccia mi ritrovo a sfidare Mary Poppins, Mrs porto-tutto-ciò-che-ho-in-casa-con-me. È una sfida.

Ma prima di tutto, caffè, tanto caffè, perchè il caffè è sempre una buona idea. Ops. Chi ha venduto la macchina del caffé?!

Woman-CoffeeAddict

Advertisements

One thought on “Changing your home without forgetting your head. Prologue of a (crazy) move/ Traslocare senza perdere la testa (o dimenticarla nella vecchia casa!). Prologo di un (bizzarro) trasloco

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s